Sede di Napoli - Via Duomo,109
Sede di Casoria - Via G.Marconi, 36
info@sirioaja.it
Numero verde 081450434

15
Set

L’ultima tendenza in tema capelli: arriva il Bronde

Appassionate di capelli e di hairstyle, dimenticate lo shatush e tutti i suoi derivati, è in arrivo una tendenza che li supererà tutti.

Stiamo parlando del “bronde“, un nuovo trend in tema capelli per quest’autunno 2014 che si preannuncia essere la nuova, vincente tinta dell’autunno (e dei prossimi mesi a venire).

Bronde, non è un errore grammaticale ma la fusione di due parole inglesi: blonde che significa biondo, brown che significa marrone. Infatti, il nuovo colore è una fusione delle due tinte che vanno miscelate insieme per un effetto ultra naturale. Prende tutta la luminosità del biondo, per un effetto baciato dal sole molto intenso, ma conserva una base castana più o meno scura a seconda anche della carnagione di chi la porta.

alessandra-ambrosio-bronde

Questa tinta sta benissimo soprattutto alle carnagioni olivastre o a quelle dal sottotono caldo, come Eva Mendez ad esempio, perché ne evidenzia la luce abbattendo il grigiore dell’inverno. Ma anche chi ha pelle e capelli chiari potrà osare il bronde, l’importante è che la miscela contenga più biondo che castano, così come i capelli di Blake Lively.

Come al solito, il trend capelli arriva direttamente dalle dive di Hollywood, prima tra tutte Kim Kardashian e Jennifer Lopez, e pare si stia già espandendo a macchia d’olio così come era già successo con lo shatush.

Lo shatush, infatti, è diventato troppo démodé – fuori moda – per tutte coloro che hanno voglia di cambiare chioma virando alle sfumature del biondo e del miele. Diventato anche molto commerciale, le case cosmetiche di tinture per capelli hanno cominciato a puntare anche sullo shatush fai-da-te, in modo da avvicinare davvero tutte a questa tendenza. Ma è proprio quando diventa “di tutti” che un trend è destinato a calare. E così è stato: quest’estate abbiamo sperimentato l’effetto ombre, adesso è già il momento di cambiare e virare al “bronde”.