Sede di Napoli - Via Duomo,109
Sede di Casoria - Via G.Marconi, 36
info@sirioaja.it
Numero verde 081450434

31
Mar

Come aprire un centro estetico e quali sono i requisiti

Il settore dell’estetica è uno dei pochi che, in un quadro economico in recesso, continua ad essere costantemente in crescita. Dati alla mano, l’industria della bellezza ha fatto registrare un vero e proprio boom negli ultimi anni, tanto da far aumentare in maniera esponenziale il numero di centri estetici e affini che si prendono cura del benessere e della bellezza di viso e corpo.

Questa crescita deriva da tanti fattori, uno tra tutti l’aumento della richiesta da parte di entrambi i sessi: ormai anche gli uomini di ogni età e appartenenti ad ogni ceto sociale richiedono trattamenti estetici di tutti i tipi, quasi equiparandosi alle donne. Per questo si rivolgono a centri estetici specializzati diretti da personale altamente qualificato che abbia un background di conoscenze tecniche approfondite e variegate, acquisite nel corso di anni di studi.

Il primo passo da fare per aprire un centro estetico è diventare estetista, iscrivendosi a una scuola di formazione professionale riconosciuta dalla Regione.

Iniziare l’attività di estetista

Per iniziare l’attività di estetista occorre intraprendere un percorso di studi della durata complessiva di tre anni che va diviso in due parti: quello relativo al corso di estetista dipendente (due anni) e quello relativo al corso di estetista di specializzazione (terzo anno). Il biennio è strutturato per apprendere sia la teoria che la pratica necessaria a diventare estetista dipendente ed entrare a lavorare in centri e strutture che erogano servizi legati all’estetica. Ciò che consente di intraprendere una carriera individuale e aprire un centro estetico in proprio è l’ottenimento della qualifica di estetista di specializzazione che si raggiunge al terzo anno di studi.

Attestato di estetista

Conseguire la qualifica di estetista di specializzazione è necessario per ottenere l’abilitazione all’esercizio dell’attività autonoma. Il terzo anno di studi è finalizzato all’approfondimento delle tecniche apprese durante il biennio e allo studio di materie fondamentali per la gestione autonoma della professione come il marketing, la psicologia, l’informatica e le tecniche di vendita. Alla fine del percorso di studi l’estetista otterrà una preparazione approfondita sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vita manageriale.

Iter per aprire un centro estetico

Dopo aver conseguito la qualifica di estetista di specializzazione si può cominciare l’iter per aprire un centro estetico. Prima di tutto va portato il diploma alla Camera di Commercio della provincia in cui risiedi perché va registrato. Solo così otterrai un certificato di ‘Qualifica alla costituzione di un impresa’, che andrà consegnato alla CCIAA, cioè alla Camera di Commercio Industria, Agricoltura e Artigianato.

Oltre al diploma, alle qualifiche e alle varie registrazioni, ti servirà una licenza che va richiesta all’ufficio attività produttive del comune di residenza. In questo modo avrai una lista di tutti i documenti che andranno presentati per aprire un centro estetico.

Infine occorre superare i controlli igienico sanitari della Asl di appartenenza perché solo così è possibile ottenere l’autorizzazione per l’apertura del centro.