Sede di Napoli - Via Duomo,109
Sede di Casoria - Via G.Marconi, 36
info@sirioaja.it
Numero verde 081450434

05
Lug

Intervista a Daniela De Vita, attrice napoletana di successo!

In occasione della finale del reality Master Beauty Italy, organizzato dalla scuola di estetica Sirio Aja, insieme a Mario Ermito, ci è venuta a trovare la bella e brava attrice napoletana Daniela De Vita. Una ragazza determinata e caparbia, come si definisce lei stessa. Spigliata, con un’ottima dialettica e un innato talento a stare sul palco. Daniela è  una che combatte con le unghie e con i denti ogni giorno per trovare il suo posto nel mondo dello spettacolo. La sua determinazione l’ha portata al successo, e siamo sicuri che arriverà sempre più in alto.

Ma chi è Daniela? L’abbiamo vista al cinema nel grande successo Lo chiamavano Jeeg Robot o in Effetti indesiderati della regia di Claudio Insegno, solo per citarne alcuni.

Ma Daniela ama tanto anche il teatro e dove vengono fuori al massimo le sue doti artistiche. È stata infatti nel cast dello spettacolo Tranquilli amici è solo sonno arretrato sulla vita di Walter Chiari insieme a Giorgio Gori o Quello str… di Batman per la regia di Diego Sanchez.

Vediamo cosa ci ha rivelato nella sua intervista.

Sei diventata ormai un’attrice affermata. Raccontaci di quello che eri e quello che sei diventata.

Ero e sono tuttora una ragazza piena di sogni e di ambizioni. Una persona molto positiva, testarda ma caparbia. Ho sempre saputo ciò che volevo e l’ho inseguito dal primo momento, senza mai arrendermi. Anche se incontravo degli ostacoli che mi invogliavano ad abbandonare, la mia testardaggine non lo ha permesso. Prima ero sicuramente più spensierata, più bambina, ora sono più matura, un po’ più focalizzata su me stessa. In passato mi aprivo a tutti, ora solo a poche persone.

 Quali sono i tuoi progetti e le tue aspirazioni?

Le mie più grandi passioni sono il cinema e il teatro e vorrei continuare su questa strada. Tuttavia c’è un altro piccolo sogno nel cassetto. Si tratta di un libro sulla mia vita. Sono anni che scrivo frasi, pagine di diari segreti. Ora ho deciso di farli diventare un libro. Ho iniziato a buttare giù la prima pagina e sono venute via tutte le altre. Spero dunque di poterlo terminare al più presto e un giorno pubblicarlo.

Ci sono persone che ti hanno aiutata o anche ostacolata in questo percorso?

Non sono stata aiutata da qualcuno in particolare, sono sempre stata io a fare il primo passo, fin da quando mi sono trasferita a Roma dove ho studiato e fatto gavetta. Non è stato facile. Sono io che mi sono spesso proposta per vari ruoli dove poi mi hanno scelta. Sono situazioni quindi che mi sono cercata io. Sono sicuramente stata aiutata da questi incontri ma tutto lo devo a me stessa, a quello che ho creato io inconsciamente. Ostacolata no, perché  tutto ciò che mi ostacola mi fortifica. Più ostacoli incontro più ho voglia di continuare.

Quanto conta l’estetica per te, cosa fai per curare il tuo corpo?

Per me più che l’estetica è importante la cura di se stesse, perché una donna che ha cura di sé ha anche rispetto per sè. Mi curo molto e non lo faccio per il lavoro ma per sentirmi bella e bene con il mio corpo. Sono molto attenta alla cura personale ma non mi faccio problemi se devo uscire senza trucco. Uso creme per la pelle e cerco di adottare un’alimentazione corretta, anche se mi piace mangiare e non mi privo di quello che mi piace. Cerco di non superare il limite, insomma.

Cosa vuoi dire a queste ragazze come consiglio nell’approcciarsi al mondo del lavoro?

Il mio consiglio è quello di seguire se stesse, le proprie aspirazioni e i propri sogni.  Anche se qualcuno vuole ostacolarti o vuole dirti che quella cosa è meglio non farla, se sei convinta che è la strada giusta bisogna fregarsene e continuare a lottare per raggiungerla. Il mondo è ampio, c’è possibilità per tutte, tutte noi possiamo occupare il posto che ci è stato destinato, senza rivalità, senza ambizione negativa.

Ecco dunque quello che ci ha rivelato Daniela. La vedremo presto al cinema in un film di Stefano Anselmi dal titolo Non è vero ma ci credo. E speriamo di leggere quanto prima il suo primo libro!